Browsing articles from Tag: “Termoarredo”


  • Caldo su misura nei nuovi bagni di design

    Un tempo, fino a qualche anno fa, il bagno era bistrattato nella sua composizione, sia da chi abitava la casa sia – per committenza – da chi lo doveva realizzare. Relegato a mero spazio di servizio senza alcuna velleità in fatto di design, lo si teneva quasi a parte degli sguardi senza dedicargli troppe attenzioni o tempo perlomeno nella sua progettazione e nella scelta dei componenti.
    Oggi questo atteggiamento ha subito una inattesa inversione, l’ambiente bagno ha riconquistato una sua dignità di tutto rispetto ed un ruolo da protagonista che va quasi a “dialogare” con le altre stanze, e che si arreda come se fosse un piccolo, confortevole spazio living.

    In questa evoluzione ciascun piccolo dettaglio è ora diventato importante ed identitario, ed a beneficiarne sono stati soprattutto strumenti come i radiatori e gli scaldasalviette, che hanno rivoluzionato la loro tradizionale immagine, hanno moltiplicato il loro ruolo funzionale ed offrono così anche caratteristiche ludiche e scenografiche. Persino il nome radiatore sembra limitativo e ormai superato, oggi si parla di termoarredi a tutti gli effetti, che hanno perso del tutto quell’alone di anonimi elementi di servizio e sono diventati oggetti di design, spesso con sfrenate fantasie ad animarli.
    Ciò che però li rende ancora più interessanti è la loro trasformazione in oggetti multiuso e versatili, che ottimizzano gli spazi e li rendono più confortevoli con le personalizzazioni, ovvero le aggiunte di accessori quali le barre per salviette, i pomelli per l’accappatoio, persino le mensole.

    La stanza dove si è in maggiore intimità con sé stessi e nella quale ci si prende cura della propria persona e del proprio benessere ha così conquistato spazi sempre maggiori nelle fiere di settore così sulle riviste o sui cataloghi specializzati, con una autentica metamorfosi che, per quanto riguarda i termoarredi, ha anche sfruttato in pieno le nuove tecnologie con materiali più performanti e persino con nuove forme sviluppate in verticale come permesso dalle più moderne apparecchiature per la produzione di acqua calda idrotermosanitaria, più potenti ed efficaci ma allo stesso tempo più ecologiche.
    Il risultato è un rendimento termico migliore anche a più bassi regimi, con emanazione di calore ottimizzata a fronte del risparmio energetico. Ecco spiegato perché parlavamo anche della moltiplicazione delle funzioni, secondo un virtuoso processo che sta portando un caldo su misura nei nostri ambienti bagno ma li sta anche rendendo luoghi che è piacevole arredare con creatività e buon gusto.

     

    Condividi su:
  • , , ,

    Il radiatore che… cinguetta!

    Dobbiamo confessare di esserci abituati a forme inedite e sempre più audaci in fatto di radiatori e scaldasalviette: abbiamo pienamente interiorizzato infatti la tendenza a considerarli ormai veri elementi di arredo, non solo per il bagno ma per tutta la casa.
    Sempre più spesso infatti è accantonata la concezione di banali strumenti, certo indispensabili ma per i quali si può fare a meno dell’estetica: è richiesta infatti un’integrazione ed una continuità con lo stile dell’appartamento che li trasformi in termoarredi.

    Ogni tanto però riusciamo ancora a restare sbalorditi di fronte a idee come Schema Bird, un radiatore presente nel catalogo Ridea che è anche stato insignito del Red Dot Award per l’originalità del suo design, opera di Meneghello Paolelli. Uno sguardo poco attento vedrebbe solo un ovale colorato alla parete; ma non può sfuggire invece che si tratta di un uccellino stilizzato, con tanto di becco, coda ed ala!

    La sua meccanica di partenza è quella del collaudatissimo modello Extrò, sempre di Ridea, mentre questa variazione “ornitologica” è stata ricavata a partire dal modello Schema Plain. È disponibile in innumerevoli finiture cromatiche applicate alla sua robusta (ed efficiente!) struttura in alluminio, ed è anche molto versatile per tutte le sue diverse possibili applicazioni, anche per via degli elementi rigidi e curvi che si possono associare.

    Sulla scorta del suo successo, poi, Ridea ha ben pensato di allargare la collezione per aggiungere tanti tocchi di ironia in più in bagno ma anche in tutta la casa: sono così nate le varianti Cat e Wolly, rispettivamente un gattino ed una foca. L’effetto sorpresa è assicurato!

    Condividi su:
  • , , , ,

    Un trucco per un bagno bello e funzionale

    Le aziende specializzate nel termoarredo hanno da tempo compreso la necessità di riconvertire i propri campionari ripensando interamente il processo produttivo, il quale per dar luce a prodotti che sappiano essere concorrenziali deve tenere in alta considerazione anche l’aspetto estetico e del design.
    In tanti ormai non si accontentano più del semplice radiatore per riscaldare ambienti come il bagno: vogliono anche che sia funzionale e bello, dando tocchi di personalità agli ambienti.

    Antrax, un’azienda veneta della provincia di Treviso, ha tradotto in oggetto concreto il progetto del designer Victor Vasilev: si tratta di un radiatore dalle linee estremamente pulite e realizzato in alluminio riciclabile.
    Alla base del progetto sta l’idea che il classico calorifero a piastra viene spesso “deturpato” dai supporti coi quali gli si appendono accappatoi o salviette per trovarli caldi al momento dell’utilizzo: Flaps, come indica il nome stesso, integra questa funzione perché la sua piastra liscia diventa una linea spezzata dove si aprono le mensole inclinate, proprio come i flaps di un aereo, e pensate per contenere le spugne da tenere in caldo.

    La sua alta efficienza termica (anche grazie alla poca acqua necessaria) rende Flaps una accattivante idea per l’arredo bagno: disponibile anche, per chi volesse, nella versione elettrica, Antrax ne garantisce la realizzazione in ben 200 varianti di colore, proprio a riconferma della sua centralità all’interno di una filosofia concettuale ed estetica.

    Condividi su: