Browsing articles from Tag: “Libreria”


  • , , , ,

    Richiami e design contaminativi

    Arredare casa con oggetti che sembrano delle icone è molto più di una banale moda, perché significa scegliere pezzi dal design unico, forme senza tempo che spesso citano o sono ispirati a grandi maestri del passato, in riedizioni realizzate con materiali moderni fatti per durare, e con il chiaro intento di rendere immortali determinate idee.

    Un caso particolarmente esplicativo viene dalla libreria Jobs Bookcase che Poltrona Frau realizza su design di Rodolfo Dordoni inserendola in una intera collezione di arredo ufficio o studio, anche se per noi questa splendida libreria freestanding non sfigurerebbe affatto in una zona living.
    La sua struttura è bifacciale, disponibile in Rovere piombo o tabacco opaco, con le mensole che su entrambi i lati si avvicendano in maniera irregolare creando un gradevole gioco ottico di vuoti e pieni, ed il suo aspetto ci ha fatto pensare ad un perfetto abbinamento con una lampada del marchio Artemide di cui abbiamo letto qualche tempo fa: il suo nome è Fato Gold, si tratta di una lampada da parete che sembra effettuare gli stessi giochi ottici della libreria con il suo schema geometrico di spazi pieni e spazi vuoti.

    È una lampada, sì, ma sa essere anche una originale vetrina, un oggetto realizzato in lamiera smaltata su design di Gio Ponti: affiancati, questi due pezzi di arredo sembrano richiamarsi e contaminarsi a vicenda!

    Condividi su:
  • , , ,

    Pixl: evoluzione 3D del concetto di libreria


    Torniamo oggi ad occuparci di un marchio di arredamento che ha fatto dell’esclusività e della spettacolarità del suo design un vero marchio di fabbrica, proponendo solo soluzioni di arredo in grado di creare atmosfere dal sorprendente impatto scenico: parliamo di Roche Bobois, un nome quasi “di nicchia” nell’interior design, per via di un listino prezzi di certo non accessibile a tutti, ma che dispone di una batteria di designer variegata e composta da nomi del calibro di Jean Paul Gaultier, Sacha Lakic, Fabrice Berrux e tanti altri ancora.

    Proprio il genio di Berrux ha ideato la libreria di design Pixl, un oggetto pensato per il living contemporaneo e che con la sua particolare composizione gioca con luci ed ombre, con pieni e vuoti: vista frontalmente Pixl si presenta come una serie di “blocchi”, quelli dei pixel di uno schermo. Sono in realtà vani e pannelli dalla forma più o meno cubica, e con diverse profondità.
    In essa, posizionare i libri diventa quasi un gioco, perché si possono “nascondere” dietro ai pannelli, così da essere visibili solo per un osservatore che si posizioni di lato.

    La sua geometria è molto radicale, in pieno stile minimal, e permette di organizzare un’intera parete funzionale perché è pensata come libreria modulare (ciascun elemento misura 120×220 cm) che, con la sua tridimensionalità, sa bene come creare dinamismo in un’area living e si presta benissimo ad essere una vetrina che custodisca e valorizzi non solo libri, ma qualsiasi tipo di oggetto.

     
    Come detto, Roche Bobois non è una realtà pensata per tutte le tasche: il prezzo di listino per ciascun modulo è di 1890 €, ma è giustificato non solo dalla firma creativa di Berrux ma anche dalla qualità dei suoi materiali.
    Pixl è proposta in 37 diversi colori ed è verniciata con finitura in lacca opaca.

    Condividi su:
  • , , ,

    Identikit di Wind, libreria dal design leggero

    Una libreria del sistema Wind di Rimadesio

    Dettagli preziosi e materiali di primissima scelta che danno robustezza all’intera struttura: stanno tutti in queste definizioni i motivi per cui il sistema personalizzabile di librerie Wind ha riscosso tanto successo nonostante il prezzo non sia alla portata di tutte le tasche.

    La sua realizzazione si deve al marchio Rimadesio, che ha voluto creare una libreria archetipica che, nonostante la sua robustezza, fosse esteticamente leggera, il che è stato ottenuto con i montanti sottili in alluminio pressofuso che reggono i ripiani in estruso mentre i giunti che fanno sviluppare in senso verticale la struttura sono in nylon fibra.
    Il top laccato di questo sistema modulare non fa che accrescerne il design esclusivo, che è arricchito da dettagli arrotondati anche per le giunture.

    La libreria, particolarmente stabile grazie alla solidità degli incastri, è disponibile in 3 diverse finiture: brown, nero opaco o bianco opaco, mentre è opzionale lo schienale in vetro temperato che aggiunge “profondità” al progetto, a seconda del posizionamento che si sceglierà.
    È perfettamente riconoscibile la firma di Giuseppe Bavuso, designer italiano che si è specializzato nella cura totale dei suoi progetti, seguendone non solo l’ideazione ma anche la loro ingegnerizzazione: il suo stile è ormai diventato un sinonimo del minimal all’italiana, proprio uno di quelli che noi preferiamo.

    Condividi su: