Browsing articles from Tag: “Cucine moderne”


  • Cucine in stile moderno nel 2022

    Le cucine in stile moderno nel 2022 richiedono un’attenzione ai colori, ai materiali e allo stile. Una cucina moderna permette di trasformare la propria abitazione in un’ambiente ricercato ma anche perfetto in cui viverci e dedicarsi a varie attività, come ad esempio un pranzo o una cena in famiglia o con gli amici.

    Il design che si sceglie per la propria cucina dev’essere il giusto connubio tra praticità e modernità. In Italia sono tanti i produttori che sanno combinare gusto e praticità come Muzi Design, gruppo Febal casa che ha spiegato infatti che le cucine in stile moderno non devono essere solo belle da vedere ma devono presentarsi anche semplici da tenere in ordine e pulite.

    I must have per una cucina moderna nel 2022

    Il design delle cucine moderne, come accennato, devono essere pensati in termini di praticità e al contempo rispettare i canoni delle ultime tendenze del 2022 per attrarre lo sguardo e rendere questa stanza il fulcro dell’abitazione.

    Sempre più spesso oggi si pensa a creare degli spazi open space. In questo caso diventa ancora più importante realizzare uno stile che si abbini a tutto l’arredo della propria abitazione.

    Un must have del 2022 è ancora la creazione di un’isola in cucina. Questa può essere operativa o meno. Si può usare per inserire un lavandino, il forno, il microonde. Oppure si può scegliere di creare un’isola dedicata esclusivamente alla realizzazione delle proprie ricette o per pranzare, fare colazione o cenare velocemente aggiungendo degli sgabelli intorno all’isola.

    Un altro trend è costituito dal piano di lavoro a cascata, ossia un proseguimento del top della cucina che raggiunge i fianchi dell’isola fino a terra, per un effetto minimal che rende la cucina un’ambiente davvero stupendo.

    Un’altra tendenza è quella che prevede la scelta di mobili con sistemi di apertura innovativi che vedono scomparire le maniglie e far spazio alle ante a scomparsa dinamiche, leggere e con portelloni scorrevoli.

    I materiali migliori per realizzare una cucina moderna

    Ci sono sicuramente varie tendenze e must have per la progettazione della propria cucina moderna. È molto importante però fare attenzione anche ai materiali che vengono utilizzati per la realizzazione di top, mensole, ripiani, ante, tavoli, isola ecc…

    Per il 2022 un trend al quanto interessante è quello che vede l’unione del legno ad elementi realizzati in metallo come ad esempio l’acciaio oppure l’ottone. Molto interessante anche l’uso del vetro per la creazione delle ante. Non mancano poi le cucine che abbinano il metallo al cemento.

    Le cucine moderne presentano anche rubinetteria, lavelli, e accessori che possono essere realizzati in argento, in ottone, in foglia oro oppure in corten, perfette per chi vuole abbinare lo stile minimal a quello stravagante. Intramontabile anche l’uso dell’acciaio inossidabile che da un senso di pulizia, lineare e dal sapore professionale.

    Per questa stagione un must have ottimale è il marmo. Il marmo è sofisticato, prezioso, resistente e ideale per rivestire l’isola o per il top della cucina. Naturalmente, queste sono solo l’indicazione per alcuni materiali molto apprezzati nel corso del 2022. Ma non bisogna lasciarsi ingabbiare dalle tendenze. Infatti, è possibile con il supporto di alcuni professionisti scegliere i materiali migliori per una cucina ricercata, chic e con rivestimenti belli da vedere e semplici da pulire.

    Quali sono i colori più alla moda per il 2022?

    Se stai progettando una cucina moderna devi fare attenzione anche ai colori da utilizzare per la creazione di un ambiente vivace e perfetto per la realizzazione di un effetto rassicurante, avvolgente e alla moda.

    Un trend di quest’anno in termini di colore è sicuramente il blu. Si usano tonalità per la creazione delle ante come: il denim, il blu navy, dell’azzurro con un tocco vintage ed elegante, accostandosi alla perfezione con materiali come ad esempio il legno e il marmo.

    Un altro colore consigliato per chi vuole uno stile moderno e ricercato è il verde. Il verde è un coloro che non passa mai di moda. Tra le tonalità consigliate ci sono il veronese, il verde foresta, il petrolio e la salvia scuro. Il verde è un colore chic e raffinato che esalta lo stile della cucina specie se si usa il noce o il legno di rovere.

    I colori caldi fanno parte della scala di tonalità alla moda per il 2022. Tra questi toni considerati caldi ci sono: il caramello, l’albicocca, l’oro, il ruggine, la terracotta in abbinamento con il legno bianco e chiaro.

    Un altro colore che sembra mantenersi in tendenza ancora quest’anno è la cucina nera. Certo scegliere il nero è complesso, infatti i toni troppo scuri tendono a rendere la cucina molto opaca. Una soluzione per usare il nero è quello di abbinare a questo colore il bianco. In questo modo il bianco e il nero insieme riescono a dare i giusti toni fashion senza togliere nulla alla luminosità. Se si vuole creare un’ambiente pulito e luminoso allora si può scegliere di optare per la creazionedi un ambiente total white.

    Condividi su:
  • Cucine Moderne: tendenze e stili del 2021

    La cucina è la stanza regina della casa, quella dove si passa la maggior parte della giornata e dove si svolgono momenti di convivialità e di relax. Spesso è vicina ad una zona giorno o inserita in un ambiente unico dove cucinare/mangiare/rilassarsi insieme. Negli ultimi anni si è imposto lo stile minimal, moderno e funzionale, che crea un ambiente accogliente e rilassante, eppure non per questo meno lussuoso e tecnologico.
    Grazie agli elettrodomestici integrati e alle molteplici combinazioni offerte dai mobili si possono realizzare cucine moderne di design grazie a degli spazi creativi, confortevoli e personalizzati. Spazi da vivere intensamente e quotidianamente.

    Cucine Industriali

    La cucina, cuore della casa, si riveste di materiali di lusso e si integra con elettrodomestici tecnologici sempre più simili a quelli delle cucine professionali industriali. Protagonista assoluto è il piano aperto, grazie alla struttura ad isola, vera tendenza del 2021. Sempre in bella vista e molto lucido grazie all’acciaio inox ed anche al bronzo, ottone, rame e, perché no, anche all’oro. Il risultato è un ambiente di lavoro, anzi di vita, estremamente sofisticato e luminoso.
    La cucina moderna diventa un ambiente da ostentare: assolutamente piacevole per gli occhi, assolutamente funzionale per il lavoro.
    Al posto dei pensili, vengono inserite le colonne per sfruttare al massimo lo spazio ed aumentare la comodità: qui troveranno la loro collocazione modernissimi forni a vapore, abbattitori e cantinette per il vino. Proprio come una cucina professionale!

    Cucine Minimal

    Piani perfetti, superficie lisce, soluzioni compatte per fondere piacere estetico ed evoluzione tecnologica. La cucina minimal, dal gusto sobrio e dalle linee pulite, non va assolutamente interpretata come banale e, peggio ancora, povera. Tutt’altro: è la perfetta integrazione tra funzionale e piacevole, rinunciando a fronzoli, decori, elementi inefficienti, mobili inopportuni.
    In una casa moderna, votata alla praticità, all’ordine e alla funzionalità, lo spazio deve essere utilizzato con sapienza e creatività, cercando soluzioni che migliorino la qualità della vita.
    Inoltre, la cucina, spesso in ambienti open space e living, si fonde e confonde con il soggiorno e quindi anche i mobili, tavole e sedie cambiano la loro funzione aprendosi a nuovi utilizzi e impiegando materiali particolari e nuove tecnologie di realizzazione.

    Cucine Modernissime

    Oltre alle linee pulite ed essenziali, le cucine modernissime sono caratterizzate dall’utilizzo di determinati materiali e colori. Tra i materiali preferiti abbiamo il vetro, sia trasparente che satinato, il metallo, il gres e il marmo. Senza dimenticarci del legno che rende sempre quella sensazione di calore e familiarità all’ambiente.
    Che sia acciaio, rame o bronzo, il metallo viene utilizzato non solo per i lavelli e i piani cottura ma anche per rubinetti, maniglie, piani di lavoro, pannelli. La sua luminosità cattura immediatamente lo sguardo e, con un sapiente gioco di alternanza tra lucido e satinato, dona grande carattere alla cucina.

    Il gres offre grande resistenza al calore e all’umidità ed è proprio grazie a queste caratteristiche che è perfetto per i piani di lavoro, i rivestimenti e le piastrelle. Esiste in diversi colori, dal grigio al blu, ed anche effetto legno.
    Il marmo, pregiato e resistente agli urti, è da sempre sinonimo di opulenza e bellezza. Esiste in un’ampia gamma di colori, dal bianco al rosso al blu, ed è perfetto, insieme al legno, per dare un tocco naturale all’ambiente della cucina: le sue caratteristiche venature, plasmate dal tempo, gli conferiscono unicità e prestigio.
    Tutti questi materiali non sono solo utilizzati per i rivestimenti delle superfici ma possono essere utilizzati per realizzare piani di lavoro, tavoli, pannelli, colonne.

    Per i colori, dopo tanti anni di bianco, ora si sta facendo strada il total black che rende subito l’ambiente raffinato ed elegante. Un sapiente mix di lucido e opaco aiuterà poi a definire in maniera ottimale le superfici e armonizzare gli spazi. Proprio come il bianco, il nero è facilissimo da abbinare a tutti gli altri colori, non stanca ed esprime grande lusso e ottimo gusto personale. Una scelta audace ma sofisticata ed intrigante.

    Altro grandissimo elemento da considerare nella progettazione di una cucina moderna è l’attenzione sempre maggiore all’ambiente, alla scelta di materiali più naturali e all’utilizzo di processi di realizzazione più ecologici.

    Condividi su:
  • Perché scegliere un lavello in resina?

    Hai mai sentito parlare dei lavelli in resina? Siamo certi di sì, perché negli ultimi anni sono diventati una alternativa sempre più richiesta sul mercato rispetto ai comuni lavelli in acciaio, e questo perché possono offrire delle varietà cromatiche che esteticamente impreziosiscono qualsiasi cucina.
    In questo nostro articolo vogliamo fare un po’ di chiarezza sui lavelli in resina spiegandoti per bene tutti i vantaggi e i pregi che possono offrire per la composizione della cucina ma anche alcuni lievi punti deboli da prendere in considerazione prima dell’acquisto.

    Si ricorre infatti a materiali che non siano il tradizionale acciaio inox per ottenere caratteristiche estetiche oltre che meccaniche e di resa più originali, al fine di una progettazione che può permettersi di osare e di una estrema soddisfazione dell’utilizzatore finale.

    I lavelli in resina

    Partiamo da un fondamentale chiarimento: quelli che oggi sono comunemente detti lavelli in resina nascono da un brevetto esclusivo dell’azienda svizzera specializzata in accessori, prodotti e soluzioni per le cucine Franke, che ha coniato il nome di fragranite per questo nuovo materiale messo a punto e composto per circa l’80% da microparticelle e polvere di quarzo (uno dei più duri materiali esistenti in natura) e per il 20% da una speciale resina atossica e resistentissima che contribuisce alla lucentezza dei colori ed alla coesione del materiale nel suo complesso.

    Pregi e difetti dei lavelli in resina o fragranite

    Il crescente successo che stanno riscuotendo i lavelli in fragranite derivano, oltre che dalla loro raffinata eleganza che contribuisce a comporre una cucina moderna, anche dalla resistenza estrema che questo materiale oppone a usura, graffi, macchie e persino alle temperature molto elevate. Non assorbono nulla e la struttura molecolare non può quindi essere alterata nemmeno da un uso molto intensivo, e sono chiaramente dei lavelli del tutto atossici e sicuri per essere a contatto con qualsiasi tipo di cibo, mentre la disponibilità di tinte è in continua crescita ed evoluzione per assecondare tutte le tendenze del design nella composizione delle cucine.

    Precisiamo soltanto piccole attenzioni da riservare ai lavelli in fragranite: pur essendo un materiale molto duro, l’uso intensivo di una spugna troppo abrasiva può danneggiarli, e del resto non è praticamente mai necessario; i modelli con colori più scuri devono essere asciugati spesso per evitare la comparsa di macchie di calcare; infine, per la pulizia non deve essere mai usata la candeggina o un altro prodotto dalle caratteristiche simili, perché si rischia di alterare la colorazione naturale.

    Chi produce i lavelli in resina?

    Come detto, Franke ha brevettato il fragranite ed è l’unica azienda a poter quindi proporre i lavelli in resina “originali”. Molte altre aziende del settore però, con i loro marchi altrettanto rinomati, hanno potuto sfruttare i progressi della tecnologia ed offrono oggi i lavelli in composito con percentuali variabili di resina acrilica e minerali. Parliamo ad esempio di Grohe o di Smeg, tutti nomi di sicuro affidamento.
    Insistiamo sulle proprietà che rendono nel complesso i lavelli in resina delle soluzioni capaci di regalare grandi soddisfazioni, perché di certo il loro aspetto vincente è costituito dagli abbinamenti cromatici che consentono entusiasmanti alternative estetiche, ma non deve essere sottovalutata la soddisfazione di lavorare su un supporto dalle prestazioni così elevate.

    I lavelli in resina costano molto?

    Davanti a tante caratteristiche positive qualcuno potrebbe obiettare che i costi siano più elevati rispetto ad un comune lavello in inox. Ciò è vero solo in parte, perché i prezzi dei lavelli in resina e dei lavelli per cucina in fragranite dipendono anche dalle dimensioni, dalla presenza o meno del gocciolatoio, dal numero di vasche ed in molti casi anche dalle finiture. Non esiste quindi un listino standard e non si può sostenere a priori che il loro prezzo sia troppo elevato, anzi. Come ci hanno ben spiegato i nostri partner specializzati in arredamenti e cucine a Napoli, di fronte all’investimento rappresentato da una cucina di design parliamo di un costo che incide in maniera più che accettabile, specie se si considerano le proprietà uniche di questo materiale.

    Condividi su:
  • Una cucina Made in Italy che valorizza gli spazi

    La continua evoluzione del comparto cucine, in fatto di arredamenti moderni, ha qualcosa di inarrestabile e non sempre ciò è dovuto all’estro creativo dei designer che collaborano con i marchi più prestigiosi. Una spinta notevole proviene infatti dalle stesse mutevoli esigenze della clientela, sia per gli aspetti estetici che per quelli strettamente connessi alle funzionalità ed allo spazio disponibile.

    Di fronte al progetto del quale parliamo oggi, però, anche noi abbiamo sgranato gli occhi per l’interpretazione inedita e rivoluzionaria, ricchissima di giochi di luce, che Rastelli ha svelato con la cucina Beluga.
    Il forte impatto estetico di questa cucina moderna non va in nessun modo a discapito della funzionalità, anzi. Il suo ideatore, Ferruccio Laviani, è un designer di fama internazionale e che ha già collaborato con alcune delle aziende più innovative in fatto di arredamenti moderni quali Kartell o Foscarini: in Beluga è riuscito a fondere concetti e materiali tra loro anche molto distanti, certo non inconciliabili ma che comunque di rado si vedono in una cucina tutti insieme.

    I parametri di una cucina moderna

    Molti sono ad esempio i tubolari metallici, ben combinati con ante in rovere e con lamiere. L’aspetto complessivo della cucina Beluga è molto sofisticato e parla un linguaggio di design pienamente moderno, con rimandi tra forme e materia e una continua alternanza tra pieni e vuoti, luci ed ombre, tutti mixati in un perfetto equilibrio che per di più non è esclusivamente estetico.

    Questa cucina non è infatti un mero esercizio di stile: anche se fa tesoro di un concetto molto caro al design moderno come lo sfruttamento della luce come quarta dimensione che si inserisce negli spazi valorizzandoli, allo stesso tempo fa suo il concetto di planarità. Le ante sono infatti progettate tutte per essere scorrevoli e non occupare quindi ulteriore spazio alla loro apertura.

    Viene quindi di conseguenza comprendere come i moduli della cucina Beluga posseggano estremo dinamismo e capacità evolutive, ed in che maniera nella sua composizione convivano nella massima armonia ritmi ben scanditi e materiali solidi che la trasformano in una vera esperienza di design tutta da vivere!

     

    Condividi su: