Browsing articles from Tag: “Arte contemporanea”


  • , , , ,

    Tredici sedie mai dipinte da Leonardo

    La sedia è uno di quegli accessori di interior design per i quali non si finirà mai di creare ed inventare, anche a rischio di saturare il mercato. Questo perché ciò che non può mai saturarsi è proprio la creatività, che spinge ad esercizi di stile su un mobile che in sé per sé è semplice ed ha un’unica funzionalità, ma proprio per questo ispira varianti infinite per forme, materiali, destinazioni.

    Per sottolineare queste potenzialità pressoché infinite, è stata allestita una mostra a dir poco fuori dal comune presso il Museo d’Arte Contemporanea di Lissone, che sarà visitabile fino al 1° dicembre.
    Il titolo della mostra è abbastanza esplicativo: Le tredici sedie mai dipinte nell’Ultima cena di Leonardo.
    Innumerevoli le chiavi di lettura proposte su questo tema affrontato senza obblighi di congruenza storica da 13 designer i quali hanno dato sfoggio di inventiva abbinandola e mescolandola con precisi richiami simbolici, ciascuno facendosi carico dell’immaginaria seduta di uno dei 13 commensali.

    Così Alberto Biagetti ha interpretato la sedia destinata a Giuda Iscariota, vagamente ispirata alla celebre sedia impagliata ritratta nei dipinti di Van Gogh; dal canto suo, Alessandro Guerriero si è cimentato con l’ospite più famoso, Gesù: ed il figlio di un falegname non poteva che accomodarsi su una sedia in legno grezzo, assemblata in maniera artigianale ed abbastanza spartana.
    Una commistione di incroci tra design, arte e fantasia, nella quale ogni creativo, dopo aver presentato in aprile durante il Salone del Mobile gli schizzi dei vari progetti, ha poi riversato nel “prodotto” finito tutti i propri valori ed i significati che da sempre il Cenacolo di Leonardo comunica.

    Se volete saperne di più e scoprire tutte le sedie, è online il sito tredicisedie.it con panoramica anche sui designer ed i fotografi coinvolti nel progetto.

    Condividi su:
  • , , , ,

    Sull’isola la fabbrica diventa polo multiculturale

    La riconversione di una vecchia zona industriale, con la conseguente riqualificazione urbana, ambientale ed anche turistica dell’Isola di Seguin sulla Senna, per 60 anni sede di una fabbrica Renault – è la grande sfida su cui si è concentrata negli ultimi anni la svizzera Nelly Wenger, specializzata in progetti di grande complessità.
    Il nome di questo progetto è R4, un polo culturale la cui inaugurazione è prevista nel 2016 è che vorrà essere una sorta di micro città dell’arte nella quale collezionisti, artisti e semplici “fruitori” del bello possano al tempo stesso godere dell’ospitalità ma anche sperimentare, stimolati da un ambiente multiculturale.

    Il progetto dell’edificio, imponente perché si svilupperà lungo tutta l’isola, prevede una modularità di base. Sarà scomponibile, quasi provvisorio, su di esso si riverbererà la fluidità delle acque della Senna che scorrono accanto e che saranno visibili da qualunque punto all’interno, perché l’architetto Jean Nouvel (di nuovo lui!) ha previsto continui giochi di vetri e trasparenze.
    L’investimento è sostanzioso ma lodevole perché il suo intento non è la generazione del profitto ma della bellezza: in una economia dell’arte autosufficiente, il processo di creazione inizierà e concluderà il suo ciclo sull’isola, evolvendosi e cambiando sempre forme nel tempo ed abolendo ogni tipo di frontiera.
    Impossibile non riconoscere nel nome dato a questo complesso un omaggio ad una celebre vettura della Renault, prodotta proprio sull’Isola di Seguin fino alla dismissione dell’area che da allora è stata abbandonata.

    La multimedialità e la polifunzionalità saranno emblemi di questa città dell’arte, che includerà oltre ad alberghi e ristoranti anche un conservatorio, case d’aste, gallerie e spazi espositivi per mostre temporanee e permanenti di arte contemporanea.

    Condividi su: