Browsing articles tagged with " Legno"
Dic 22, 2017
Christian

Come si arreda una casa in legno rispetto ad una casa tradizionale

Vi siete mai chiesti come si arreda una casa in legno?

Vorremmo citare una massima di Billy Baldwin, icona nell’ambito dell’arredamento di interni: “La prima regola dell’arredamento è che si possono infrangere quasi tutte le altre regole”. Baldwin sosteneva che innanzi tutto i mobili devono essere confortevoli e noi condividiamo appieno il suo punto di vista. Arredare la vostra casa in legno significa creare un luogo che rispecchi il vostro modo di essere, che vi rappresenti e che vi faccia sentire a vostro agio. La casa in legno è un rifugio dal caos cittadino, dai ritmi frenetici della vita quotidiana e non può che accogliervi in un abbraccio caloroso.

E allora, bando alle regole! Ogni stile è quello giusto. Già al momento dell’acquisto dell’abitazione è stata fatta la prima importante scelta estetica. L’architettura della casa in legno su misura, è stata progettata assecondando le vostre richieste, creando gli spazi per vivere con la vostra famiglia. Da qui si evince la prima importante scelta estetica a cui probabilmente darete continuità con l’arredamento.

 

Se amate lo stile rustico, le pareti con legno a vista o in pietra ed i pavimenti in pietra, parquet o cotto, saranno la giusta soluzione per voi. Un grande tavolo di legno rustico ed una credenza, sempre in legno rustico, saranno protagonisti della cucina dove potrete esporre ceste di vimini piene di frutta, taglieri in legno, utensili da cucina datati.

 

Gli accessori da usare per arredare una casa in legno

 

Gli accessori saranno in ferro battuto come lampadari o vasi, decori d’ottone per i sanitari, portasapone in ceramica e potpurri profumato. Poltrone, sedie e tappeti saranno di colori caldi che ricordano sempre il profumo del legno. Per un gusto più romantico, lo stile shabby chic, trasandato elegante, propone mobili vecchi, o meglio invecchiati, che vengono decapati, rovinati appositamente per dare la sensazione che siano usurati, come se fossero stati recuperati da una vecchia soffitta. I colori sono pastello come beige, grigio chiaro, rosa. Anche i pavimenti in legno e gli accessori vengono sottoposti al trattamento, quindi potremo avere cornici decapate e contenitori in ferro battuto bianco invecchiato. Le tende sono in tessuto chiaro con tenui disegni di fiori, cuscini ricamati, un insieme di particolari che rendono l’ambiente tutt’altro che trasandato, ma molto soft, rilassante ed elegante.

 

Lo stile classico nelle case in legno, lo stile moderno e lo stile minimal

 

Nello stile classico i colori sono quelli del legno dove l’arredamento è molto elaborato, come lo era stile del passato da cui prende ispirazione. Pur essendo dotata di impianti moderni, in una casa in stile classico non possono mancare un camino o una stufa a legna. Gli elettrodomestici sono in stile rétro, ma vi consigliamo di acquistare elettrodomestici moderni che non siano visibili se non al momento dell’utilizzo. Lo stile classico è intramontabile e la casa viene impreziosita da pezzi di antiquariato o di nuova produzione con tecniche che ne permettono una riproduzione fedele.

 

Le case in legno non necessariamente hanno il legno a vista. Al contrario, spesso le pareti in legno sono rivestite da intonaco ed hanno una finitura simile alle case in muratura, rendendole di fatto non distinguibili tra di loro. L’elemento che invece solitamente viene lasciato a vista è il tetto in legno, un particolare estetico molto importate che trasmette calore e bellezza. Anche in questo caso ci si può sbizzarrire seguendo le proprie inclinazioni.

 

Lo stile moderno prevede spazi aperti molto ampi. Sui colori che possono essere impiegati, non ci sono limiti: colori tenui come grigio, bianco, nero, beige, ma anche colori molto vivaci come rosso, viola, arancione nelle varie sfumature. Quindi le sensazioni sono diverse: pacatezza e relax o brio e dinamismo. I mobili possono avere forme anche irregolari, ma con linee pulite e senza decori, questo rende gli ambienti leggeri e pratici per l’utilizzo di ogni giorno. Gli impianti tecnologici si integrano completamente nell’arredamento.

 

Lo stile minimale, dove gli spazi sono aperti, la cucina, il soggiorno e la zona relax possono essere in un unico ambiente, punta sull’essenziale.

Sono presenti pochi pezzi di design, colori neutri, il bianco, il nero e il grigio, grandi spazi e grande respiro. Il divano nero o bianco è protagonista e pronto ad ospitare chi vorrà godere di questo ambiente.

L’atmosfera che si crea è estremamente raffinata e valorizzata dal tetto in legno che abbraccia la casa.

 

Non temete di osare, nessuno vi vieta di unire due o più stili diversi se è quello che vi piace, ma vi consigliamo di consultare un arredatore che saprà aiutarvi nella scelta.

 

L’arredamento è sempre esaltato da ambienti molto luminosi, che influiscono positivamente sull’umore e il benessere degli abitanti. Quindi, vetrate ampie, esposte a sud per godere al massimo della luce del sole e opportunamente schermate da piante con foglie caduche o frangisole che permetteranno di riparare l’abitazione dall’eccessivo irraggiamento solare estivo.

 

Ott 4, 2016
Christian

Elogio del legno, il più intelligente dei materiali

Usare il legno è già di per sé un’attività intelligente“. Questa frase appartiene a Renzo Piano, e spiega perfettamente il pensiero del grande architetto italiano.

Il concetto è stato espresso a margine della presentazione di un suo progetto, il quartiere ecosostenibile di Trento rinominato “Le Albere“. Non poteva che essere così, trattandosi di una riqualificazione ambientale dell’ex area Michelin: Piano ha proseguito spiegando che usare il legno è intelligente perché proviene da fonti rinnovabili, perché è riciclabile e perché la terra va difesa anche dagli architetti nella loro scelta dei materiali.

Come dargli torto? Il legno, qualsiasi provenienza abbia, è il materiale più longevo e pregiato con il quale lavorare, perché stimola la fantasia, è plasmabile a piacimento, è caldo, e può essere riutilizzato quanto si vuole. Sa stimolare i sensi, spinge ad accarezzarlo ed è fonte di ispirazione per qualsiasi architetto o designer.
Immaginate di sedervi o sdraiarvi su una panca interamente in legno: è scomoda, è dura, starete pensando!

Non è dello stesso avviso Adam Friedman, un creativo arredatore di Los Angeles che ha ideato la Sitskie Block Bench, una panca composta da 450 listelli in quercia, uno accanto all’altro, che si muovono lentamente ed abbracciano il corpo in maniera flessuosa quasi come se fossero foam.

L’idea, che prende il nome di The Block System, interamente realizzata a mano e che fa dolcemente affondare il corpo senza per questo far mancare il dovuto sostegno alla schiena, ed è incredibile quanto sia comoda!
Naturalmente lo stesso sistema è stato poi applicato anche ad altri tipi di sedute e chaise longue da questa derivate, a creare una collezione unica nel suo genere che gioca con il legno e costruisce con esso delle autentiche isole di relax!

Mag 7, 2013
Christian

Il tavolo da coltivare

Questa è davvero un’idea originale, di quelle che stuzzicano la fantasia: immaginate di avere ne vostro salotto un robusto tavolo in legno, composto da due ampie tavole non particolarmente lavorate e dalle linee irregolari. Le due tavole sono sostenute da lamiere metalliche, ed hanno un vuoto tra di loro, un vuoto che si riempie con lo scorrere del tempo grazie alla naturale crescita di freschissimi fili d’erba!

Il segreto di tutto ciò è al di sotto del piano d’appoggio, in una capiente vasca in plexiglas trasparente da riempire con terreno e da coltivare con i semi che si preferiscono.
In foto vediamo la scelta di far spuntare sul tavolo una verde striscia di prato, una soluzione che è realmente una gioia per gli occhi e di certo non passa inosservata, ma è possibile fare tanto altro, perché si possono seminare anche piccole piantine o fiori cui basti lo spazio a disposizione.

Il tavolo è stato ideato da una giovane designer di stanza a Brooklyn, Emily Wettstein, e viene realizzato sempre su richiesta ed in base alle misure necessarie.
Noi abbiamo in realtà pensato di suggerire un tavolo del genere a tutti quei ristoranti o pub che desiderino attirare ed incuriosire la propria clientela proprio con un tocco di originalità del tutto fuori dall’ordinario.

Apr 19, 2013
Christian

Niente supera la nobiltà del legno

Quando si parla di arredamento per interni si può discutere di stili, si possono mostrare preferenze per specifici materiali, ma si deve senza alcun dubbio chinare il capo davanti a Sua Maestà il legno, il più nobile dei materiali in questo  settore.
Versatile, resistente, il legno è la materia con la quale meglio si può esprimere il connubio tra artigianato ed arte come accade nella più recente collezione che Morelato ha commissionato ad alcuni tra i più noti architetti e designer, i quali hanno tutti ideato dei complementi di arredo raffinati dove un certo gusto retrò si fonde con l’armonia che solo la lavorazione dei vari tipi di legno può dare, e con gradevoli tocchi di modernità.

Il mobile da salotto Giano, ad esempio, rappresenta questi concetti con il suo design minimale al quale fanno da contraltare le ante lavorate ad onda, così come troviamo delle onde sulla credenza Zero in legno di noce, essenziale nelle forme e con caratteristici piedi in acciaio a sostenerla.
Sempre per la zona giorno poi Maurizio Duranti ha firmato il tavolo Bon Ton, tutti in frassino e con il piano personalizzabile nei colori, con l’originale scelta delle 4 gambe che ricordano le stecche del biliardo:ed ecco spiegato il nome della sedia abbinata, Carambola, che porta la stessa firma e presenta la struttura con il suo comodo schienale arcuato e rivestito in pelle, in due versioni, quella classica con le 4 gambe fisse, oppure quella girevole, il tutto sempre in frassino.
Se poi ci avviciniamo alla zona notte, scopriamo uno splendido letto in noce, disegnato da Giuseppe Viganò, dalle linee pulite e perfetto per inserirsi in un arredamento dallo stile ultramoderno con comodini spaziosi incastonati direttamente nella testiera. Il suo nome è Magic Dream.

Tutti questi pezzi sono stati presentati da Morelato al grande pubblico durante il Salone del Mobile di Milano 2013, ed hanno suscitato una certa ammirazione perché ciascuno di essi sembra realizzato con tanta cura da sembrare un pezzo unico.

luglio: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031