Browsing articles from "maggio, 2013"
Mag 28, 2013
Christian

Ritorna il Pipistrello di Gae Aulenti

Il design dei giorni nostri sta riscoprendo per tanti motivi, non ultimo una rinata passione per un gusto vintage, le opere dei grandi designer del passato, recuperando a volte persino gli stessi progetti originali per sottoporli a rielaborazioni che non alterino il valore primario delle opere, ma che lo integrino con dettagli irrinunciabili più moderni.
Quando poi i progetti tra i quali si pesca sono quelli di una grande maestra dell’architettura e del design come Gae Aulenti, i risultati raramente possono essere deludenti.

Prendiamo la lampada Pipistrello, quella che nel 1965 lasciò tutti a bocca aperta per il suo progetto così iconico: oggi l’azienda Martinelli Luce ha scelto di riproporla, con il suo originario piedistallo telescopico che ne fa variare l’altezza da 66 a 86 centimetri, ma le ha affiancato anche una versione mini da comodino, con base fissa, di appena 35 cm.
Gli adeguamenti hanno riguardato soprattutto la tecnologia, che nel terzo millennio offre infinite possibilità in più, tra le quali le luci a LED, un futuristico controllo basato sul tocco delle dita con un dimmer, il varialuce che consente di limitare a proprio piacimento l’intensità della luce.

Questa versione small, chiamata Minipipistrello, è a nostro avviso il migliore omaggio tributato ad una grande progettista come Gae Aulenti, scomparsa purtroppo lo scorso anno.

Mag 24, 2013
Christian

L’arredo giardino su Scaramuzza Modo

L’attività della redazione di NonSoloArredo prosegue incessante nella ricerca ed esposizione di idee originali ed interessanti provenienti dal mondo dell’architettura e dell’interior design in genere.
A questo impegno si accompagna anche l’analisi di possibili partner che possano affiancarci, siano essi piattaforme come la nostra oppure delle aziende che offrano intriganti soluzioni di arredamenti per interni o per esterni.

A questo giro la nostra attenzione si concentra su un settore delicato come quello dell’arredo giardino: siamo infatti entrati in contatto con il marchio Scaramuzza Modo, una affermata realtà aziendale che oltre ad offrire un vastissimo catalogo di ferramenta ed utensileria per il bricolage, per citare solo qualche categoria merceologica, espone presso il proprio showroom anche un’ampia scelta di articoli perfetti per arredare gli spazi all’aperto.
Molteplici le tipologie proposte, perchè dai più classici elementi in ferro battuto ed alluminio si passa agli evergreen, quelli in plastica e resina oppure in legno.

I nostri preferiti però, per gli speciali design con cui sono elaborati, sono quelli in polyrattan, un innovativo e resistentissimo materiale pensato per imitare il più naturale rattan risolvendo però gli inconvenienti di natura “ecologica” ad esso legati, oltre a quelli di costo (il rattan è infatti un legno molto pregiato ricavato dai tronchi di palme tropicali, la cui presenza è tuttavia fondamentale nell’ecosistema).
Nel polyrattan la struttura in alluminio è rivestita in fibre sintetiche le quali offrono grande resistenza, anche a distanza di anni, agli agenti atmosferici ed alle intemperie. Salottini da giardino realizzati in questo materiale si configurano così come investimento duraturo, in quanto pensati proprio per una continua e prolungata esposizione all’aria aperta.

Scaramuzza Modo
, in vista della bella stagione, ha interamente rinnovato il catalogo delle sue proposte, che adesso sono disponibili anche incluse nella piattaforma e-commerce di recentissima realizzazione.

Mag 21, 2013
Christian

Praticità in salotto e non solo: è Open

Protagonista assoluto è oggi la nuova collezione di Letti&Co, un’azienda che mette sempre al primo posto tra le sue attenzioni una pratica funzionalità delle soluzioni proposte.
Open, questo il nome del divano letto di cui parliamo oggi, è versatile e creativo, adatto sia agli spazi dei più giovani che ad un salotto dallo stile moderno ed allegro.

Le diverse configurazioni possibili sono ben 6, a seconda che si desideri arricchirlo con testiere e schienali o meno – il tutto dipenderà dall’ambiente cui lo destineremo – e si può naturalmente scegliere se dotarlo di uno spesso provvidenziale letto aggiuntivo estraibile.

Open si presenta con una solidissima struttura realizzata in ferro, ricoperta da diverse imbottiture e rivestimenti interamente sfoderabili. Un vero suo punto a favore è a nostro avviso l’estrema semplicità di estrazione dei letti, che si effettua rapidamente e senza sforzi: si tratta della riconferma di quanto accennato nell’incipit, ossia della praticità d’uso delle idee firmate Letti&Co.

Mag 17, 2013
Christian

L’infinito design italiano di Guzzini

Lo scorso anno si sono tenute le celebrazioni per il centenario dell’attività di Guzzini, un marchio fiero della sua italianità (la sede è a Recanati) e della sua conduzione familiare. Guzzini ha fatto della realizzazione dei casalinghi un simbolo della vitalità italiana degli anni ’60, e non ha mai smesso di animare le cucine con oggetti che oltre alla loro valenza funzionale assumessero anche un pregevole valore estetico, diventando in tutto e per tutto oggetti di design e di arredamento.

Il plexiglas trasparente, vero e proprio cristallo infrangibile, giunse quasi per caso tra le mani dei Guzzini, che lo acquistarono come scarto dai produttori di aerei: da lì nacque un successo globale, anche perchè in famiglia si ebbe la lungimiranza di affidarsi a designer esterni ed affermati i quali hanno trasformato i prodotti Guzzini, da semplici lavorazioni in plexiglas, in degli oggetti degni di varcare anche le soglie dei musei di arte contemporanea e di ricevere prestigiosi riconoscimenti settoriali come il Compasso d’Oro.

Le celebrazioni per questo primo secolo di attività e creatività sono di recente confluite in un volume edito da Skira edizioni, che ha raccolto in 200 pagine un secolo di intuizioni e progetti, intitolandolo “Guzzini, infinito design italiano“.

Mag 14, 2013
Christian

I Riflessi della consolle P300

L’infinita versatilità della consolle che vi presentiamo oggi è ciò che ci ha fatto innamorare di questo nuovo modello presentato dall’azienda abruzzese Riflessi: si chiama P300, ed è una consolle allungabile in legno molto solida e dalle linee estremamente moderne.

Essere proposta in numerose varianti di colore, tra cui rovere bianco, wengé o ciliegio nelle versioni a poro aperto (non mancano ovviamente quelle laccate) non preclude la grande versatilità di P300, che grazie al meccanismo interno di allunghe in alluminio può passare da una misura minima di 50 cm fino a ben 3 metri.
Molto ampia la gamma delle finiture, a noi è piaciuta da subito quella che vedete in foto con gli inserti in alluminio, mentre le larghezze disponibili sono 3: 90, 110 e 130 cm, per adattarsi perfettamente, specie nella posizione di “semplice” consolle, a qualsiasi spazio.

Aprire P300 è estremamente semplice, ed averla in casa consente di ospitare a cena un numero anche nutrito di amici, riponendola poi in un angolo grazie al suo minimo ingombro: un’operazione da fare anche alla presenza degli ospiti perché la genialità di un simile complemento di arredo è sicuramente motivo di orgoglio!

Mag 10, 2013
Christian

Nell’Hangar Bicocca l’arte trova terreno fertile

Milano è stata nei decenni importantissima sede per i movimenti artistici di avanguardia comprendenti tutte le forme figurative, basti pensare allo spazialismo di Lucio Fontana, il quale incredibilmente non ha un luogo espositivo in città univocamente dedicato alle sue opere.

Sotto questo aspetto Roma, con il suo grande Museo di Arte Contemporanea, si pone ancora alcuni passi avanti rispetto al capoluogo lombardo, tuttavia esistono delle installazioni a Milano che fanno ben sperare in prospettiva futura.
Una di queste è l’Hangar Bicocca, ricavato all’interno delle ex officine della Ansaldo Breda tramite un processo di conversione finanziato in parte anche dalla Pirelli.

L’Hangar, realizzato nel 2004, si propone come luogo dedicato alla produzione e promozione dell’arte contemporanea e si fregia di una installazione del tutto fuori dal comune, chiamata “Le Sette Torri Celesti“.
Il numero 7 è importantissimo nella mistica e nella cultura ebraica, alla quale l’autore Anselm Kiefer si è ispirato per un’opera che vuole rappresentare un simbolico viaggio di iniziazione spirituale.
Queste torri, altre tra i 14 ed i 18 metri, riportano volutamente i segni di un luogo violentemente disastrato essendo state messe in piedi utilizzando elementi residuali.

All’interno dell’Hangar, vero spazio di interscambio culturale e sociale, sono presenti, oltre ad un immancabile bistrot, numerosi laboratori ed un’area polifunzionale i cui lodevoli fini culturali possono guidare ad interessanti riflessioni su tutte le tematiche architettoniche suggerite.

Mag 7, 2013
Christian

Il tavolo da coltivare

Questa è davvero un’idea originale, di quelle che stuzzicano la fantasia: immaginate di avere ne vostro salotto un robusto tavolo in legno, composto da due ampie tavole non particolarmente lavorate e dalle linee irregolari. Le due tavole sono sostenute da lamiere metalliche, ed hanno un vuoto tra di loro, un vuoto che si riempie con lo scorrere del tempo grazie alla naturale crescita di freschissimi fili d’erba!

Il segreto di tutto ciò è al di sotto del piano d’appoggio, in una capiente vasca in plexiglas trasparente da riempire con terreno e da coltivare con i semi che si preferiscono.
In foto vediamo la scelta di far spuntare sul tavolo una verde striscia di prato, una soluzione che è realmente una gioia per gli occhi e di certo non passa inosservata, ma è possibile fare tanto altro, perché si possono seminare anche piccole piantine o fiori cui basti lo spazio a disposizione.

Il tavolo è stato ideato da una giovane designer di stanza a Brooklyn, Emily Wettstein, e viene realizzato sempre su richiesta ed in base alle misure necessarie.
Noi abbiamo in realtà pensato di suggerire un tavolo del genere a tutti quei ristoranti o pub che desiderino attirare ed incuriosire la propria clientela proprio con un tocco di originalità del tutto fuori dall’ordinario.

Mag 3, 2013
Christian

Una nuova comodità per la zona notte

Massimo Scalzo è un designer italiano con una brutta abitudine: quando va a letto, porta sempre con sé il laptop, tenendolo appoggiato sulle gambe contro ogni suggerimento sia medico che tecnico. Il surriscaldamento cui va sottoposto un simile strumento quando gli vengono impedite le vie di aerazione è infatti dannoso alla salute ed anche per i delicati meccanismi interni.

La sua creatività si è messa in moto dopo essersi reso conto di questi problemi e della scomodità, ed ha partorito un’idea tanto semplice quanto geniale: Wings, un sistema a scomparsa che in posizione di riposo e perfettamente integrato e nascosto nella testiera del letto, e che con un semplicissimo gesto ci posiziona davanti un piano d’appoggio comodissimo, esattamente alla giusta altezza per poter comodamente navigare in rete.

La testiera Wings è imbottita e rivestita con morbido tessuto, ed include anche un attacco elettrico e una pratica luce, proprio per gli irriducibili del web, anche se il suo brevetto si presta a numerosi altri utilizzi.
Chi ad esempio non si è mai trovato nella spiacevole situazione di dover mangiare a letto, a causa di una fastidiosa quanto debilitante influenza; oppure ancora, sono in tanti quelli che amano di tanto in tanto concedersi una rilassante colazione a letto!
Wings viene incontro in tutte queste circostanze permettendo di dimenticarsi del tutto degli scomodi ed instabili vassoi.
È naturalmente possibile personalizzare il tutto con le finiture ed i colori che si preferiscono, arredando casa con un progetto davvero nuovo ed originale!

maggio: 2013
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031